Visite [+/-]
Oggi:
Ieri:
Due giorni fa:
73
122
187

-65
Questa settimana:
Settimana scorsa:
Due settimane fa:
600
1010
812

+198

Tutte le visite
Tutte le visite 680 061

Nutrizione

 

 

 

      Nelle condizioni attuali l’uomo deve trovare nella nutrizione quel senso intimo, quella forza che è nascosta, la vita che è nascosta. Solo tramite la nutrizione potete percepire questa vita, mettervi in relazione con essa e rinnovarvi. Perché solo tramite il cibo entriamo in contatto con quella natura vivente e saggia che mantiene il nostro organismo. Se l’uomo non segue i dettami della natura si esaurisce presto e deve abbandonare il mondo nel quale vive. Quando capisci un’idea puoi disporre di quest’ultima. Dopo averla capita puoi  servirti di essa. L’uomo può conoscere solo ciò con cui può lavorare, capire  gni idea che può essere a sua disposizione.

 

         Non esiste musica più bella della nutrizione. Il cibo doma tutti gli esseri viventi.

 

         La nutrizione è una scienza per la trasformazione delle energie da uno stato in un altro, da energia rozza in energia mentale. Nella nutrizione è nascosta una grande forza divina.

 

         L’atto più sacro nel mondo è la nutrizione. 

 

         La nutrizione non è solamente un processo fisico. È soprattutto un processo spirituale.

 

         La nutrizione è legata al sistema nervoso simpatico, ai sentimenti e non appartiene al mondo fisico, ma ad una cultura superiore. Se l’uomo non sa nutrirsi il suo pensiero non sarà chiaro e fresco.

 

         Se mangi senza capire il senso della nutrizione commetti un delitto.

 

         Molte cose dipendono dalla nutrizione. Se l’uomo sa come mangiare ha risolto uno dei compiti più importanti della propria vita.

 

         In futuro, la donna a partire da quando è incinta, deve insegnare al suo bambino come mangiare. Il cibo che la donna incinta assume, ed il modo in cui lo assume, esercita una grande influenza sul bambino che nascerà. Il cibo crea l’uomo, lo eleva e lo degrada.  

 

         Oltre al cibo fisico, l’uomo si nutre anche di una luce particolare che soltanto ora si sta cominciando a studiare.

 

         All’inizio ci si nutriva seguendo la naturale armonia ma ora si è giunti alla disarmonia. Nessuno ne è escluso. 

 

         In tutti i processi del pensiero, dei sentimenti ed in tutte le azioni vi è qualcosa di ereditario. Dobbiamo liberarci dalla nutrizione che abbiamo ereditato, dai pensieri, dai sentimenti e dalle azioni ereditate perché lasciano dei depositi che avvelenano. Non era così per il primo uomo, non rimaneva alcun deposito dentro di lui. La nutrizione era pura, senza residui. Oggi tutto ciò che si mangia crea residui. Anche nei pensieri ci sono dei residui.

 

         La sensibilità dell’uomo è in stretta dipendenza con lo stato dello stomaco. Non si possono avere dei sentimenti ottimi se il vostro stomaco non funziona bene. Non parlate del “rozzo”. Con la parola “rozzo” si intente la nutrizione non ragionevole. Se non vi nutrite ragionevolmente non potete avere dei sentimenti ragionevoli. Non avete studiato bene la funzione dei denti. Alcuni di voi mangiano masticando solo con la parte destra o la parte sinistra della mascella – fanno un grande errore a non passare il cibo dalla parte destra della mascella alla parte sinistra. Alcuni masticano prevalentemente con la parte sinistra della mascella, altri con la parte destra. È anormale. Tramite i denti si trasmette allo stomaco un’armonia con il nodo atrioventricolare. In questo modo si trasmettono dei sentimenti più belli che mantengono l’energia del cervello per sviluppare un pensiero superiore. Dovete far lavorare i denti. Una volta mi piacevano le ragazze che masticavano una gomma dolce[1]. Vorrei che alcuni di voi masticassero una gomma dolce – prima con la parte destra della mascella, poi con la parte sinistra – allora avrete dei denti sani, allora avrete dei sentimenti sani. Direte: “Ora prenderò una gomma da masticare!” È meglio masticare la gomma piuttosto che un’altra cosa. Nella gomma da masticare vi è qualcosa di piacevole che rende inoltre i denti più solidi, si aprono i dodici canali posteriori ed allora cominciano a funzionare le forze posteriori che vengono fuori tramite la colonna vertebrale e si trasmettono al cervello.

 

         Se non si digerisce bene il cibo, il sangue non può purificarsi correttamente ed allora intorno alle articolazioni si accumula una materia semiorganica sotto forma di residui. Per non ricadere nel cattivo umore ed in stati morbosi, lavorate per il miglioramento del vostro sistema gastrico. 

 

         Perché bisogna bere acqua calda? Durante la nutrizione sulle pareti dello stomaco e degli intestini rimangono residui e grassi che ostacolano la buona digestione. L’acqua calda li dissolve e regola i processi dell’intestino e dello stomaco. Lavate i piatti con l’acqua calda o con l’acqua fredda?

 

         Quando nell’uomo si intasa il sistema digerente, si intasa anche quello respiratorio, la respirazione diventa più rapida ed irregolare – ecco perché bisogna vigilare sullo stato buono di questi due sistemi. Con nutrizione, in senso lato, si intende un processo di percezione: la percezione delle forze viventi nella natura. Queste forze viventi vengono percepite tramite il cibo, tramite l’aria, l’acqua, la luce, il calore ed alla fine tramite il pensiero vivente. La persona ragionevole usa dei modi con i quali può ricavare le forze viventi da questi ambiti. Chi conosce il carbonio, l’idrogeno, l’ossigeno, l’azoto, le loro proprietà ed i loro legami è sempre in grado di estrarne la vita.

 

         Chi vuole vivere bene nel mondo fisico deve avere un sistema gastrico ed un sistema escretore sano e ben organizzato. Esiste una certa relazione tra l’attività del sistema gastrico ed di quello escretore ed il pentimento. Come il sistema gastrico ed il sistema escretore separano ciò che è puro da ciò che è impuro, così l’uomo si purifica anche tramite il pentimento. Separa ciò che è puro da ciò che è impuro, ciò che è positivo da ciò che è negativo.

 

         La funzione del sistema gastrico nel mondo fisico è di digerire il cibo, invece, nel mondo spirituale è di far passare le passioni ed i desideri inferiori dell’uomo attraverso la digestione. 

 

         Il pane contiene in sè tutti gli elementi nutritivi. L’uomo può vivere benissimo solo con pane, frutta ed acqua. L’importante è masticare molto bene e mangiare con Amore, gratitudine e predisposizione. Le persone si rovinano la salute soddisfando i propri desideri nella nutrizione, non sanno respirare, però vogliono essere sani. 

 

         Il cibo che non si percepisce con Amore, con intimo desiderio è un veleno per la persona. È preferibile allora restare affamati. Quando si avverte l’impulso  di sentire una forte fame, si prenda un po’ di pane e sale o pepe bulgaro, ciò apporterà più energie e più salute di una gallina ben cotta.  

 

         La nutrizione è un metodo che mostra come il cibo percepito dalla bocca deve venire assimilato. Se non si mastica ripetutamente le conseguenze saranno pessime. Alcuni mangiano in fretta. Fanno girare il cibo due-tre volte in bocca e lo mandano subito nello stomaco. Prima di tutto devi amare il cibo che assumi. Se mangi il cibo senza Amore ti porterà ad uno stato morboso. Inizialmente all’uomo non era permesso di mangiare cibo che non amasse. 

 

         Le Scritture dicono: “Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che proviene dalla bocca di Dio![2]” Se non ti nutri con l’Amore Divina, se tua figlia o tuo figlio non si nutrono così non diventerete belli. Quando il cibo ordinario è accompagnato dalla parola Divina agisce in modo benefico e perciò la prima cosa da fare quando ti nutri è che nella tua anima ci sia una grande gratitudine. 

 

         Mangiate con amore e gratitudine per utilizzare il prana del cibo. Il prana è una forza vitale che è presente in ogni uomo, ma in quantità diversa. A chi cicatrizza facilmente la ferita significa che ha una grande quantità di prana. Per quanto sia grande una ferita, se ci metti la mano sopra, essendo ricolma, la ferita cicatrizzerà subito.

 

         Quando vi mettete a mangiare, il primo compito che avete è di dire: “Grazie Dio per il pane che ci hai dato, ti ringraziamo per la vita che apporti tramite ciò.”  

 

         L’uomo può mangiare tutto, ma con Amore e gratitudine, che conosca coscientemente la legge di trasformazione della materia per purificare il cibo, per trasformare la materia da uno stato inferiore ad uno superiore. 

 

         Vedete una persona che si nutre, ma nel frattempo il suo pensiero è occupato da altre cose, non pensa al cibo che assume, non ringrazia per il bene che gli si dà in quel momento. Mangiate e pensate a ciò che mangiate e ringraziate. Il mondo ragionevole osserva l’uomo come si nutre, se mangia lentamente masticando bene, se ringrazia, viene aiutato in tutti i suoi affari. Se l’uomo non può comprendere il senso della nutrizione, della respirazione e del sentire, la vita di per sè rimarrà incompresa. Come il pensiero, il sentimento e l’azione sono indissolubilmente legati, così devono essere legati il pensiero, la respirazione e la nutrizione. 

 

         Per mangiare correttamente devi parlare con il pane, chiedergli da dove e come è venuto ed allora mangiarlo. Dici: “Prego!” Dopo esservi conosciuti, dopo esservi amati, lo inviterai a casa tua, aprirai l’ingresso principale dove trentadue professori vestiti di bianco e  seduti dritti lo saluteranno con un “Benvenuto”. Entrerà, lo accetteranno. È un atto sacro. Invece si sente dire: “Si mangerà, non c’è altro da fare”. È un processo negativo. Se vedendo un minestrone l’uomo comincia a pensare: “È cibo questo?”, non è più cibo. La zuppa, le patate, mischiati, schiacciati. Deve esserci qualcosa che ti attiri nella nutrizione, deve esserci qualcosa che tu conosca.  

 

         Il cibo che non amate si assimila difficilmente, intorno ai nervi si accumulano dei residui di materia semiorganica. Questi depositi riducono l’energia mentale. Il digiuno è un buon metodo per la purificazione del sistema nervoso. 

 

         La persona che respira senza pensare si ammalerà, anche la persona che si nutre senza pensare si ammalerà. Nella nutrizione il pensiero ed il sentimento sono assolutamente necessari. Se non amate un cibo, per quanto sia utile, non vi servirà. Tra l’uomo ed il cibo deve esservi un legame intimo. Il cibo vivente che assumete può diventare parte di voi ed in questo consiste la vita vera. La salute è un afflusso di vita nuova nell’uomo.

 

         Se utilizzi cibo che non ami, non puoi servirtene. Ciascun cibo nasconde la vita in sè che si può utilizzare soltanto se lo si ama. Non apporta forza, ma è un conduttore della vita che dà forza all’uomo. 

 

          Se mangi senza Amore percepisci soltanto la materia grezza e non puoi utilizzare quella sottile nella quale si nasconde la vita. 

 

         Una persona deve vedere il senso intimo nella nutrizione, quella forza che è nascosta nel cibo, la vita nascosta nel cibo. Il cibo rappresenta fino a che punto potete percepire la vostra vita entrando in contatto con essa affinché si rinnovi, perché con il cibo entriamo infatti in relazione con la natura ragionevole per mantenere l’organismo. 

 

         Il cibo digerito non ha terminato il suo ciclo se non passa dal mondo fisico al mondo spirituale e dal mondo spirituale al mondo Divino. Per l’uomo è importante penetrare nei diversi mondi, e lasciare ovunque qualcosa di sè, per essere sano. 

 

         Gli attuali dottori determinano la quantità delle sostanze che bisogna assumere al giorno, ma la definiscono in modo meccanico. Si può assumere una certa quantità di grassi, ma è importante quanta parte di questi grassi saranno assimilati. Potete mangiare un intero agnello, ma il problema è di quanto ve ne servirete. Gli indù yoga mangiano 50 o 100 grammi di riso al giorno, ma ne ricavano dieci volte più sostanze nutritive rispetto a quanto ne ricaverebbe una persona che non è yoga e che mangia cinque-sei volte al giorno. 

 

         Gli europei hanno sempre fretta e mentre mangiano non masticano bene e non pensano al cibo, pensano ad altre cose. Quando mangiate il pane penserete solamente al pane – è sacro. Il grano è sacro.

 

         Il nuovo modo di nutrirsi è di trasformare ciascun cibo in sostanze più pure, in un prodotto speciale. Un adepto sottoporrà cento grammi di riso ad un processo di purificazione e poi lo mangerà. Pregherà 24 ore sul riso, ne verrà fuori un’energia particolare ed allora lo farà bollire in un’acqua particolare e percepirà la vita mentre lo mangia. Cento grammi di riso al giorno, senza nient’altro, senza spezie. Ora che sia lavata o meno, mangiate la pera e la mangiate in modo completamente automatico. Coloro di voi che vogliono morire presto continuino a mangiare come già fanno, possono mangiare anche la carne suina, la carne di manzo, la carne di pollo, anche le quaglie, ciò che trovano. A coloro che non vogliono morire dico: state lontano da questo cibo.

 

         Qual è il vero modo di percepire il cibo? Tutti dobbiamo servirci dei metodi della natura. Non parlo della natura nella quale abbiamo lasciato i nostri residui, non parlo della natura che è creata dai corpi morti di miliardi e miliardi di esseri, ma parlo della natura vivente, Divina. La natura attuale è creata dalle rimanenze degli esseri del passato, su questi corpi morti crescono ora le pere, le mele e gli altri frutti. Di conseguenza ci nutriamo solamente di esseri morti. Data questa situazione, potremmo mai essere immortali? Mai! Ma nel futuro quando cominceremo a formare il nostro cibo dai raggi di sole saremo immortali. Fin quando ricaveremo cibo dai succhi della Terra moriremo, ci sarà la morte per noi. Un giorno avremo delle piante che percepiranno energia direttamente dal Sole. Percepiremo direttamente dal Sole anche il pane. Solo allora avremo la possibilità di essere immortali. Anche ora possiamo essere immortali, ma ci vuole una grande fatica. Dopo aver assunto un pranzo, l’uomo deve conoscere i metodi con i quali trasformare nel proprio corpo le diverse energie che ha percepito dal cibo.  

 

         Il cibo masticato dai denti è salubre. I denti sono dei centri magnetici, il cibo ben masticato è una forza divina. La masticazione è un atto del pensiero. 

 

         La continua masticazione del cibo non ha per scopo solo la sua assimilazione, ma anche che i nervi del palato, le gengive e la lingua abbiano il tempo sufficiente per assorbire la forza vitale od il prana dalla bocca. È necessario che il cibo stia per un certo tempo nella bocca. Ciò vale non solo per il cibo duro, ma anche per quello liquido. Che l’acqua, il latte e tutti i liquidi si inghiottano a piccoli sorsi affinché il prana che contengono possa venir utilizzato correttamente. Lo stesso vale anche per l’aria e la luce.

 

         Se una persona mangia masticando solamente con una parte della mascella, la sua faccia diventa asimmetrica.

 

         La masticazione corretta influenza il carattere umano. Se una persona tratta con negligenza la masticazione del cibo, come si comporterà nei confronti degli altri compiti? La masticazione è un processo importante – da esso dipende il futuro dell’uomo.  

 

         La salute dipende dalla corretta nutrizione. Chi ha denti solidi e mastica bene il cibo non si ammala. Se si mastica solamente con la parte sinistra della mascella o con la parte destra non si può essere sani. Se si apre la bocca durante la nutrizione, l’aria ostacola la corretta digestione – non si può essere sani se durante la nutrizione si pensa a delle cose cattive, critichi il tuo prossimo o protesti contro la vita, non puoi essere sano. 

 

         Si sconsigliano le zuppe. Quando mangiate una zuppa calda, lo smalto dei denti si rompe e si rovinano presto. La carne lascia più veleni nell’organismo del cibo vegetale. Se rimangono particelle di carne tra i denti comincia un processo di putrefazione che rovina lo smalto dei denti. Ai bambini piace masticare il lentisco e così puliscono inconsapevolmente  i denti dai residui, inoltre durante la masticazione affluisce più sangue nelle gengive e così i denti si nutrono e si rafforzano. 

 

Quando si mastica il cibo, l’energia vivificatrice passa attraverso la lingua e così si portano più energie nel sistema nervoso. Dalla bocca passa nello stomaco dove si compie un altro processo. Più energie vengono dal cervello, più facilmente si digerisce il cibo, masticate a lungo per poter percepire più energia per il cervello. Così si può utilizzare l’energia utile per i muscoli e le ossa.

 

         Ti metti a mangiare e hai fretta poiché hai da fare. Tuo padre ti dice: “Vedi di finire di mangiare entro cinque minuti che c’è da fare, bisogna arare, il lavoro ti aspetta.” Sai che cosa significa finire di mangiare entro cinque minuti? Ho sentito alcuni dire: “Sbrigati quando mangi!” Non bisogna sbrigarsi per niente! Ti siederai tranquillo e dedicherai almeno 25 minuti alla nutrizione corretta. Ecco che cosa dobbiamo intendere con 25 minuti: che non ti si opprima il cuore dopo esserti alzato dal tavolo. La prima regola della nutrizione è di essere ben predisposto quando ti metti a tavola. Non ti interesserai a quello che ha cucinato tua moglie – se hai una moglie. Quando vai in albergo non ti interesserai a che cosa offrono. Ti metterai tranquillo e non ti interesserai se ciò che hanno cucinato è buono o meno, non ci penserai. Sceglierai il cibo senza metterci alcun pensiero cattivo. Parlo della nutrizione ordinaria. Potete prendere un po’ di pane, un po’ di pere, delle mele, un po’ di formaggio, delle patate cotte o bollite, delle uova fritte o della focaccia. Mentre parlate non preoccupatevi di ciò che dicono gli altri. Se viene un religioso e ti rimprovera che mangi la focaccia gli dirai: “Fratello, scusami, ma non ho ancora raggiunto la tua perfezione. Un giorno ti raggiungerò. Ora ti darò un po’ di pane e ti chiederò di non disturbarmi, voglio mangiare la focaccia e ringraziare Dio per avermela data. Se mi disturbi mi danneggerai lo stomaco, mi rovinerai il pasto. Perché se c’è qualcuno che può rimproverarci per il cibo è la natura.

 

         Chi mangia in fretta muore presto. Masticherete bene con entrambe le parti della mascella – con la parte destra e con la parte sinistra. Quando non sei predisposto e sei malato, non mangiare. Se sei irritato, non mangiare, aspetta che ti passi. 

 

         Per poter percepire la vita divina non dovete aver fretta in mente. Prendete un frutto, non abbiate fretta di mangiarlo. Prima guardatelo bene, guardate la sua forma, sentite la sua fragranza, pensate da dove viene, perché porta questo colore, che energia porta. Il frutto è un capolavoro. 

 

         Ogni cibo ha dei succhi particolari perciò bisogna assumerlo, assimilarlo lentamente, senza fretta, con Amore e riflessione.

   

         Il cibo deve essere trattenuto più a lungo possibile in bocca affinché una parte della sua energia venga assorbita dalla lingua. Tramite la lingua l’energia viene trasmessa al cervello e poi al cuore. La lingua percepisce l’energia spirituale dal cibo che non si può percepire in altro modo, perciò l’uomo non deve irritarsi o preoccuparsi durante la nutrizione. 

 

         È meglio che mangiate tre volte al giorno. Di mattina farete colazione alle sette, poi pranzerete cinque ore più tardi alle 12 e cenerete dopo 5-6 ore. Tra la cena e la colazione vi è più tempo, perché? Poiché durante la notte dovete fare una passeggiata lontano. Fate una lunga passeggiata che per certi motivi rientra nel programma, altrimenti non avreste il tempo di ritornare. Di sera partite, di mattina ritornate. È infatti il sonno. 

 

         Di solito le persone mangiano 3-4 volte al giorno, in seguito a ciò hanno reso insensato il processo della nutrizione. Bisogna sapere che la vita divina confluisce in quella umana tramite la nutrizione. Dio fece la bocca e la lingua per percepire questa vita. Quando Gesù disse: “In verità, in verità vi dico che se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, in voi non avete vita [3].” Vi è un senso profondo in questa frase. Il mondo spirituale diventa comprensibile soltanto tramite il mondo fisico. 

 

         Uno stomaco che necessita di 4 ore per digerire il cibo non è normale. La natura ha determinato esattamente il tempo necessario per la digestione del cibo. Una cosa è importante: che il cibo sia assolutamente puro. Ora tutti mangiano in fretta, preparano in fretta il cibo – non mangiano in tempo, mangiano troppo e così si rovinano lo stomaco ed il sangue.

 

         Secondo me il cibo salubre si digerisce in un’ora e venti minuti. Ogni cibo che richiede più tempo di questo per essere digerito e è dannoso. 

 

         Quando il cibo rimane a tanto tempo nello stomaco senza che venga digerito, si creano delle sostanze velenose, tossiche, che si diffondono in tutto l’organismo e che avvelenano il sangue. Così anche nel cuore se ci sono dei desideri non realizzati e che non possono essere assimilati, creano delle tossine astrali. Nello stesso modo, se l’uomo trattiene in sè dei pensieri che non può realizzare, rimangono per tanto tempo nel cervello e creano delle tossine mentali. Queste tossine sono la prima condizione per lo sviluppo dei microbi, i portatori delle diverse malattie. 

 

         Il mal di testa è dovuto al cibo che si digerisce difficilmente e che lascia dei residui nello stomaco. 

 

         La fame è un fattore che edifica se viene sentita come uno stimolo, ma se diventa formale allora distrugge.

 

         Quando si nutre, l’uomo non deve mangiare per almeno 4 ore per per fare riposare il suo stomaco. Una delle cause della rovina dell’uomo è l’eccessiva sazietà. Questa legge è valida nel mondo fisico, nel mondo dei sentimenti e nel mondo mentale. Solamente i pensieri puri e chiari nutrono l’uomo. L’uomo non deve nutrire il proprio cervello con pensieri infiniti, così non deve nutrire il proprio stomaco con cibo incompatibile ed impuro. 

 

         La mattina mangerete per la vostra mente, a mezzogiorno per il vostro cuore e la sera per il vostro corpo. Bisogna distinguere queste cose e mettere ogni cibo al proprio posto.  

 

         Prima che spunti il Sole non mangiare. Quando sorge farai la colazione e  pranzerai esattamente nel momento in cui il Sole passa sul meridiano. 

 

         Se hai fame, mangia. Se non hai fame, non mangiare. È la legge della natura. Non vanno mangiati il grano ed il mais dopo alcune ore che sono stati cotti. Mangia tutti i tipi di grano caldi. Se vuoi condurre una vita spirituale devi avere una giusta filosofia sulla  nutrizione. 

 

         È meglio mangiare molto la mattina, invece a pranzo e a cena mangerete di meno, anzi se non cenate è ancora meglio. 

 

         Mangia solamente quando hai fame. Se non hai fame digiuna. Se le persone seguiranno questo istinto interiore saranno sane.  

 

         Quando sono le ore 12 in natura? Quando arrivi al punto più basso della fame. Questo momento comporta nell’uomo l’impulso di assumere il cibo. Allora il Sole è esattamente allo zenit, è il momento migliore per la nutrizione e la digestione è la più corretta. 

 

         Se volete che il vostro stomaco sia in ordine mangiate solo determinati cibi e non mangiate mai troppo. È preferibile il cibo vegetariano rispetto alla carne.

 

         Ciò che è poco viene benedetto, mangiate poco. Mangiare troppo è un peccato. 

 

         Quando vi create un’abitudine dovete seguirla. Ammettiamo che amiate mangiare tanto. Mangiare è una cosa naturale, ma mangiare tanto è inutile. Perché? Qual è la misura nella nutrizione? Avete la stessa legge nel caso della combustione. Quando la combustione non è completa potete bruciare anche cento chilogrammi di carbonio senza riuscire a scaldarvi, ed invece potete bruciare solo dieci chilogrammi di carbonio, anzi cinque chilogrammi, e stare al caldo tutto il giorno perché la combustione è completa.  

 

         Ciascun nutrimento qui, nel mondo mentale, è un frutto. Voi mangiate sulla Terra, invece nel mondo causale si ha già un lauto pranzo. Voi non mangiate qui. Pensate di mangiare qui. La nutrizione avviene nel mondo causale. Se mangi e non capisci il senso della nutrizione è come se non avessi mangiato.

 

         Per non ingrassare mangiate poco – non c’è motivo per cui dovete stringervi con un busto ortopedico. Ora mangiate tre volte al giorno. Provate a mangiare solo una volta al giorno e vedrete come svilupperete dei tratti nobili. Nella vita vi sono certe leggi che regolano la nutrizione. Se non avete voglia di mangiare non mangiate, aspettate finché si svegli in voi il desiderio di mangiare.  

 

         Il Bulgaro soffre perché mangia troppo. Se mangia di meno tutto si sistemerà. Venti bocconi sono sufficienti.

 

         L’appetito eccessivo è uno stato morboso, chi è sano mangia regolarmente con desiderio, non mangia mai troppo e non smette di mangiare nel momento in cui sente che l’appetito è accresciuto.

 

         Chi vuole raggiungere qualcosa di grande deve mangiare poco.

 

         Finché è vivo l’uomo deve mangiare, ma regolarmente; dopo aver assunto15-20 bocconi deve smettere. Se non rispetta questa legge arriva all’eccesso che avrà delle conseguenze dannose per l’organismo. La natura è generosa, ma ragionevole ed esigente.

 

         È meglio che non riempiate completamente lo stomaco. Che rimanga sempre un po’ di spazio vuoto. È una delle regole igieniche importanti e deve essere rispettata.

 

         Una delle cause delle malattie nelle persone è dovuta alla nutrizione meccanica, perciò si deve mangiare quando si ha fame, senza fretta, con gratitudine, si mangia finché non si arriva al boccone più dolce e ci si ferma. Chi mangia troppo non dà cibo al sistema cerebrale, il suo corpo fisico si sviluppa a scapito del cervello. 

 

         Se l’uomo mangia troppo, gran parte dell’energia cerebrale va nello stomaco e così si riduce l’attività del cervello. Il cervello è un accumulatore di elettricità e di magnetismo – appena riesce ad accumulare questa energia il cibo va nello stomaco. Perciò ognuno deve sapere quanto, che cosa e quando mangiare.  

 

         Imparate a mangiare poco perché verrà il tempo in cui sarete messi in condizione di mangiare una o due volte la settimana, perciò preparatevi ora. 

 

         I bambini devono mangiare 21 bocconi ad ogni pasto, invece l’anziano 12 bocconi. Nutrirsi insensatamente e senza gratitudine non porta alcun beneficio.

 

         Mangiare tanto non è inteso come quantità, per tanto si intende sempre una quantità ed una vita in sè che deve essere prodotta.

 

         L’idea che con poco cibo non si può mantenere l’organismo non è corretta; una piccola quantità di cibo ben assimilato dà più energia rispetto ad una grande, assimilata male.  

 

         Se un uomo ha mangiato troppo lo costringerete in qualche modo a vomitare il cibo o a prendere un lassativo – altrimenti corre il pericolo di intossicazione del sangue.  

 

         Osservate come mangiano i vegetariani e coloro che mangiano carne. Che cosa vedete? Quale è la differenza nella loro nutrizione? Come tiene la forchetta ed il coltello chi  mangia la carne? Così come il vegetariano. Ma c’è una differenza – chi mangia la carne è più abile nella nutrizione. Inoltre, chi mangia la carne è un po’ impaziente, un po’ irascibile. Anche nei vegetariani è rimasta questa abitudine. Un vegetariano che è irascibile ha iniziato da poco a mangiare il cibo vegetariano. Chi è nato vegetariano è un po’ più tranquillo, non ha fretta. 

 

         Mangiate con la bocca chiusa affinché non esca aria quando prendete il cibo. Il posto dell’aria è nei polmoni e non nello stomaco. 

 

         Gli scienziati non hanno analizzato il succo gastrico ed il sangue dell’uomo quando si nutre con una buona predisposizione dello spirito e nel caso in cui non sia ben predisposto ed irritato. C’è differenza nella composizione del sangue e del succo gastrico nel primo e nel secondo caso. L’indisposizione dello spirito apporta veleno nel cibo che si diffonde poi nell’intero organismo. Perciò se sei arrabbiato, non mangiare finché non trasformi il tuo stato. Questo sia per la persona ragionevole. Per quella non ragionevole si consiglia il contrario: quando non è predisposto spiritualmente che mangi bene, in questo modo restaurerà l’equilibrio delle energie che ricaverà dal cibo. Non mangiate cibo troppo caldo.

 

         Non mangiate neanche cibo troppo freddo. Rispettate queste regole per essere sani, vivaci e forti. 

 

         Saper mangiare è una scienza, è una musica. Evitate di mangiare sempre lo stesso cibo. Alcuni si nutrono tutto il mese con patate, altri con ciliegie, altri ancora con dell’uva, ecc. Non è un modo di nutrirsi corretto. Variate il vostro cibo perché ciascun tipo di cibo contiene energie specifiche necessarie per il vostro organismo. Nell’uomo c’è un particolare sentimento che a volte gli suggerisce quale cibo deve mangiare, perché in quel momento solo quel cibo gli fornirà gli elementi necessari per il suo organismo. 

 

         Dopo aver mangiato della frutta non bevete mai acqua fredda, né acqua calda. Prima di mangiare si può bere l’acqua, ma non è permesso dopo aver mangiato. 

 

         Le persone intelligenti devono cucinare da soli, scegliersi il cibo da soli. Dopo aver pensato, sentito e mangiato senza aver guadagnato nulla, che cosa dirai agli altri di te? 

 

         Preparerete il cibo senza sale – lasciate che ognuno metta il sale che vuole nel suo piatto. 

 

         La cucina attuale rimarrà nell’archivio della vita umana come una scoria. 

 

         Non possono ringiovanire coloro che mangiano carne, fumano e bevono.

 

         Durante la frittura della cipolla, della carne, insomma dei cibi, tutti gli oli si perdono, si perde parte degli elementi nutritivi. Dovete sapere quali elementi utilizzare nella cottura e come combinarli.

 

         Il cibo puro, come il grano ed il riso non ha bisogno di zucchero, di latte, di noci. Se l’uomo mangia cibo semplice e salubre, senza spezie, avrà il diabete? Gli animali nelle foreste non soffrono di diabete, ma le persone colte soffrono non solo di diabete, ma di tante altre malattie che rappresentano un atto d’accusa contro di noi. Le malattie sono dei peccati della generazione precedente e dei peccati attuali. Dato il sangue attuale impuro che cosa possiamo aspettarci, quale felicità possiamo avere? 

 

         Immaginatevi che vi dia delle ciliegie, delle prugne, dell’uva, delle mele, delle nespole – dieci tipi di frutta. Dovete mangiarli tutti insieme? È meglio separarli per tipi e mangiarli in tempi diversi. Almeno un’ora di intervallo, o si può anche aspettare due, tre o quattro ore. Allora vi serviranno 40 ore per assaggiare tutti i frutti. Se si è una persona intelligente, geniale, serviranno 40 ore. Se si è una persona di talento – 30. Se si è una persona ordinaria – 20 ore, invece se si è uno sciocco – 1 ora.  

 

         Nella nutrizione le persone non sono molto ragionevoli, mangiano la zuppa, poi la carne, diversi piatti, poi il dessert, così lo stomaco si danneggia. Non vi è nutrizione più stupida delle zuppe e del mescolare i diversi cibi. I malati, i bambini, i più piccoli, i più anziani ed i vecchi mangino le zuppe, mentre gli anziani che mangino cibo che si mastica.

 

         È bene non mescolare i diversi prodotti in un unico piatto! Ora mettete di tutto nel vostro stomaco – riso, fagioli, olio, burro, quello che vi capita. È un crimine. 

 

         Non mangiate latticini con cibi vegetali. Se ora mangiate qualcosa con aglio, aspettate almeno tre ore a mangiare un frutto o qualcosa di dolce. Non mescolate i cibi.

 

         Non mangiate yogurt con le fragole. Non mescolate latticini con la frutta. Non mescolate i grassi. Non mescolate la frutta con l’aglio.

 

         Chi vuole essere sano non deve mescolare i cibi. Mangerai un cibo e dopo averlo digerito ne prenderai un altro.

 

         La cultura attuale soffre di eccessi. Ha delle conserve, delle farine, dei pesci in scatola. Tutto ciò è un eccesso per il quale la razza bianca paga caro e pagherà ancora più caro. La natura non sopporta lo scatolame. Non friggere e non fare bollire i pomodori, puoi far bollire un po’ i semi. I nostri banchetti spesso sono un ostacolo all’evoluzione di altri esseri. Ecco perché in tutte le religioni, nella scienza occulta si consiglia sempre di astenersi. Per astensione non si intende un digiuno assoluto, ma che non ci sia alcun eccesso. Per quanto abbondantemente mangi, nella tua anima devi ringraziare Dio.

 

         L’uomo deve mangiare regolarmente ed in tempo; senza rimanere affamato e senza mangiare troppo.  Inoltre che non mescoli i cibi. 

 

         Che l’uomo mangi soltanto ciò che gli piace. Nel cibo c’è il prana e la nutrizione è un processo ragionevole. Il benessere dell’uomo viene attraverso il cibo. Mangiate solo un piatto, non mescolate cose diverse.

 

         Non esiste cibo peggiore della zuppa. Il peggior cibo è quello che è riposto più a lungo in lattina e quello in cui sono stati mescolati frutta, verdura e latticini. 

 

         La persona anziana digiuna perché non ha denti e non può mangiare. Deve avere i denti, la volontà di mangiare e allora digiunare. Digiuno – asse. Se il digiuno non è un asse, non vale niente. Un digiuno senza asse non è niente. Ma se il digiuno sottintende delle condizioni buone nelle quali il frutto che matura possa diventare di buona qualità, allora ha un prezzo e senso. Sviluppa potenza nell’uomo. Le persone attuali soffrono mangiando carne. Solo una parte microscopica del cibo viene assimilata, il resto è un residuo. Questo eccesso deve venir espulso. Ed oggi tutte le malattie sono dovute a questo eccesso, e nonostante ciò tutti divulgano l’idea che ci vuole più cibo. Invece, all’uomo è necessario poco cibo e deve essere percepito ed assimilato così che ne rimangano meno residui possibili. 

 

         Mangiare la carne è una violazione della legge di Dio. Chi infrange la legge dell’Amore e della saggezza è un carnivoro. Invece, chi segue la legge dell’Amore, della saggezza e della verità è uno che mangia frutta. È chiaro. Chi non segue le leggi di Dio è uno che mangia carne. Solo in un essere che non segue queste leggi vi è una tale crudeltà da poter guardare le sofferenze degli altri esseri. 

 

          Il vegetarianismo è un metodo di guarigione. Le persone ed i popoli devono nutrirsi con cibo vegetale per guarire. Dopo cominceranno a mangiare la frutta. Il cibo vero è racchiuso in pensieri chiari, in sentimenti elevati e in azioni nobili. Sono i frutti della vita con cui si nutriranno le persone nel futuro. 

 

          Non è permesso alla persona occulta di bere vino, birra ed altre bevande alcoliche. In casi estremi può bere il vino per scaldare lo stomaco. Potete bere del vino dolce. Prima di mangiare la frutta lavatela bene in acqua calda, soprattutto l’uva. Tutto ciò che introducete nella vostra bocca deve essere assolutamente pulito. 

 

          Lo studente deve lavorare per la purificazione del suo corpo. Qualcuno dice: “Per essere pulito l’uomo deve esaurire il suo corpo”. No, è un’idea sbagliata. Dovete conoscere la differenza tra la carne ed il corpo fisico. Se la vostra carne s’indebolisce, il vostro corpo non deve indebolirsi. Che cosa intendo per indebolimento della carne? Che diminuiscano i desideri inferiori nell’uomo, cioè che i suoi desideri vengano educati. I desideri inferiori non si nascondono nel corpo fisico, ma nella carne. Ecco perché per educare questi desideri non dovete far soffrire il vostro stomaco. In verità, a volte lo stomaco riceve più cibo, ma il motivo è il desiderio di mangiare che viene controllato da un centro che si trova intorno alla tempia. L’odore di un buon pasto stimola questo centro e nell’uomo nasce il desiderio di mangiare di più ed allora lo stomaco riceve questo cibo e si sovraccarica. In questo modo infatti, tramite un forte desiderio di mangiare, l’uomo rovina lo stomaco. Questo è davvero un altro estremo. Quando lo studente occulto si nutre deve essere contento del cibo, deve dimenticare tutto intorno a sè e ringraziare Dio. Sapere mangiare è una scienza, è un’arte. Nelle Scritture si dice: “Sarete grati per tutto ciò che Dio vi ha dato”. 

 

          La seconda condizione per la nutrizione è che lo studente occulto debba evitare di mangiare lo stesso cibo. Per esempio qualcuno si sottopone ad un regime di patate, si nutre per un mese solo di patate. Che cosa gli apporterà questo cibo? Un altro si nutre per un mese solo di ciliege. Un altro ancora solo di uva. Non è un regime nutritivo corretto. Quando Dio creò il primo uomo gli disse: “Mangerai di tutti i frutti del giardino, ma dell’albero della conoscenza del bene e del male non devi mangiare.” Così anche voi mangerete tutti i frutti,  ma non quello proibito. Se vi nutrite con patate, domani mangerete ciliege. Dopo aver assaggiato tutti i tipi di patate procederete con un altro cibo. Se vi nutrite di uva assaggerete nello stesso modo tutti i tipi di uva. Dovete sempre variare il vostro cibo perché ciascun tipo di cibo contiene delle energie specifiche necessarie per il vostro organismo. Nell’uomo c’è un particolare sentimento che in ogni momento gli suggerisce che cosa deve mangiare. Perché? Perché solamente in un certo caso in quel cibo l’uomo troverà quegli elementi specifici che sono necessari alla costruzione dell’organismo, alla creazione di un grande pensiero o di un nobile sentimento. Direte: “Dove troviamo questo cibo adatto?” Vedete quel pittore – per quanto sia povero, trova sempre delle pitture e dei pennelli. Se sono necessari al suo lavoro in qualsiasi posto siano, lui li troverà.

 

 



[1] Chewing gum
[2] Matteo 4,4
[3] Giovanni 6,53