Visite [+/-]
Oggi:
Ieri:
Due giorni fa:
0
139
115

+24
Questa settimana:
Settimana scorsa:
Due settimane fa:
139
899
811

+88

Tutte le visite
Tutte le visite 668 295


L'influenza dell'energia solare

 

 

Il Sole rappresenta una fonte di energia vitale per l’intero sistema solare. Nei confronti della Terra l’energia del Sole è positiva. Essa si sviluppa in elettricità positiva e negativa e in magnetismo positivo e negativo. Nei confronti del Sole la Terra è negativa. (La Terra ha due tipi di energie, ma è prevalentemente negativa. Anche il Sole ha due tipi di energie, ma è prevalentemente positivo).

Dall’interazione di queste due energie viene prodotta la vita sulla Terra. Questo mediatore che unisce e trasforma queste due energie è chiamato dagli scienziati “etere”. Esso penetra lo spazio e l’intera Terra. Gli occultisti lo chiamano “plasma vitale”; i mistici lo chiamano “spirito”. E nel libro della Genesi (cap. I, versi 1-2) si dice: “In principio Dio creò il cielo e la terra. La terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l’abisso e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque.”

La struttura del Sole e la struttura delle cellule sono simili. Il Sole ha in sé tre ambiti: in uno prepara l’energia, nel secondo la accumula e trasforma, mentre dal terzo la manda verso la Terra. Anche nelle cellule vi sono tre ambiti: un ambito esterno che percepisce l’energia solare; un ambito intermedio che la accumula in sé e un ambito interno in cui l’energia viene elaborata e trasformata in energia vitale. Questi tre ambiti esistono anche nell’organismo dell’uomo, ma in una forma più sviluppata. Si vedono meglio nell’embrione. La prima membrana embrionale è quella esterna e viene chiamata ectoderma[1] (quella visibile). Quella intermedia viene chiamata mesoderma[2] ed è quella che si trova nel centro; la membrana interna viene chiamata endoderma[3]. L’energia che il nostro Sole riceve dal Sole centrale del nostro Universo visibile inizialmente è positiva, ma poi si polarizza in positiva e negativa. Esiste una legge importante: più la Terra è negativa, più la sua capacità ricettiva di energia positiva aumenta; e viceversa: più la Terra è positiva, più la sua capacità ricettiva decresce.

Ogni corpo celeste riceve energie con il suo polo negativo e le invia con quello positivo. Quando un centro è positivo emette, mentre quando è negativo riceve. L’energia positiva crea, mentre quella negativa edifica. La maggior parte dell’energia che il nostro Sole riceve dal Sole centrale viene consumata dal nostro Sole. E di conseguenza una piccola parte di essa va verso i pianeti. Le energie che la Terra riceve dal Sole si trasformano significativamente. Penetrando negli strati terrestri, questi ultimi assorbono da esse quasi tutti gli elementi nutritivi e ne rimane solo ciò che non può essere utilizzato. Così trasformate, queste energie non sono più utili per lo sviluppo e perciò vengono rilasciate nello spazio cosmico dal quale, in modi diversi, ritornano al Sole. Il Sole, a sua volta, le rimanda al Sole centrale per un’ulteriore modifica e trasformazione fino a quando il loro ritmo iniziale viene raggiunto.

Da mezzanotte a mezzogiorno la Terra (in realtà, un dato luogo) è negativa e perciò riceve di più, mentre da mezzogiorno a mezzanotte è positiva e perciò rilascia di più. A partire da mezzanotte la Terra comincia a proiettare nello spazio cosmico energia negativa e, a sua volta, riceve dal Sole energia positiva.    

Al tramonto del Sole la Terra raggiunge il suo grado più alto di positività e perciò emette maggiormente. Il pomeriggio la Terra comincia a proiettare nello spazio cosmico energie positive e dopo averne emesso una quantità sufficiente, essa diventa negativa. Ciò avviene gradualmente e la prevalenza delle energie negative su quelle positive si verifica verso mezzanotte. Al sorgere del Sole di mattina la Terra raggiunge il suo grado più alto di negatività, ovvero riceve maggiormente. Questo fatto è della massima importanza poiché rivela il grande significato e valore del sorgere del Sole. Dobbiamo aver presente la seguente legge: noi facciamo parte dell’organismo terrestre e perciò quando la Terra riceve, anche l’organismo umano riceve; e viceversa, quando la Terra emette, anche l’uomo emette. Per tale motivo i primi raggi del Sole sono i più potenti. Allora anche l’organismo umano è nello stato di ricettività più elevato rispetto alle energie solari. Di mattina c’è sempre più energia vitale o prana che a mezzogiorno e l’organismo vitale assorbe una maggiore quantità di energie vitali positive (prana) in quel momento. I primi raggi del Sole (allo spuntare del Sole) sono i più attivi. In quel momento il Sole si trova all’apogeo della propria attività. Ogni giorno l’energia solare passa attraverso quattro diversi periodi: dalle 12:00 di mezzanotte alle 12:00 di mezzogiorno vi è un afflusso di energia solare, mentre dalle 12:00 di mezzogiorno alle 12:00 di mezzanotte vi è un deflusso. L’afflusso che inizia alle 12:00 di mezzanotte raggiunge il suo punto massimo allo spuntar del Sole. Questo afflusso è quello più forte e più vivificante! Esso si riduce gradualmente fino a mezzogiorno, dopodiché inizia il deflusso che raggiunge il suo punto massimo al tramonto del Sole. Ciò premesso, secondo la legge del movimento, la parte della Terra che costantemente si volge e si avvicina al Sole, si trova nelle condizioni più favorevoli al proprio sviluppo. La parte che si allontana, invece, perde la maggior parte di queste condizioni. Un’ora prima dello spuntar del Sole, le energie solari esercitano un’influenza psicologica sulle cellule del corpo: rinnovano e rinvigoriscono la loro energia e creano in tutto il corpo un nuovo impulso al lavoro. Prima dello spuntar del Sole i raggi che si rinfrangono attraverso l’atmosfera esercitano un’influenza principalmente sul cervello. Allo spuntar del Sole, i raggi del Sole, che arrivano in linea retta, influenzano prevalentemente il nostro sistema respiratorio e la nostra sensibilità. Mentre verso mezzogiorno, gli stessi raggi esercitano un’influenza sul nostro sistema digestivo. Perciò il potere curativo dell’energia solare è diverso nelle varie ore del giorno: prima dello spuntar del sole agisce per migliorare il sistema cerebrale nervoso, allo spuntar del Sole per rafforzare il sistema respiratorio, mentre dalle 9:00 alle 12:00 per rinforzare lo stomaco, cioè in questo periodo della giornata i raggi solari svolgono un’attività terapeutica sullo stomaco malato. Nel pomeriggio, invece, in generale l’energia solare dà pochi risultati terapeutici. A prima vista, potrebbe sembrare che i raggi solari siano più curativi verso le ore 13:00 – 14:00 del pomeriggio quando il loro calore è più grande. Ma se i raggi solari agissero in modo terapeutico attraverso il loro calore, allora perché il calore della stufa non può sostituire la loro azione curativa? Il fattore principale non è il calore del Sole, ma le altre energie superiori che possiamo chiamare “prana” (energia vitale) e verso le quali la Terra è più ricettiva di mattina.

Quando le ricerche scientifiche più recenti dicono che i raggi solari sono più curativi prima di mezzogiorno, qualcuno potrebbe obiettare che “quando per noi è il sorgere del Sole, per altri è mezzogiorno, e per altri ancora è il tramonto”. Allora perché esiste questa differenza nella capacità curativa dei raggi solari nelle diverse ore della giornata? La causa di questa differenza si cela nella differente capacità ricettiva della Terra e dell’organismo (umano).

Un effetto analogo si verifica anche nel corso dell’anno. I raggi solari non agiscono in maniera uniforme durante le varie stagioni. La Terra (in realtà, un dato luogo) all’inizio della primavera è più negativa e perciò riceve maggiormente. Ecco perché durante la primavera i raggi solari hanno un’azione più terapeutica rispetto a tutte le altre stagioni dell’anno. Dal 22 marzo in poi, la Terra diventa gradualmente positiva. In estate è già abbastanza positiva e perciò riceve di meno (anche i raggi solari d’estate agiscono, ma in misura minore).

All’inizio della primavera vi è più prana e gli organismi lo assorbono in misura maggiore. Durante l’estate prevale il calore e non quel prana o energia vitale che è in abbondanza all’inizio della primavera. Esistono certi segni da cui si può riconoscere quando vi è più prana in natura.

Dunque, l’energia solare esercita quattro tipi di influenze, durante le quattro stagioni dell’anno.

La primavera e l’estate rappresentano un afflusso di energia solare verso la Terra, mentre l’autunno e l’inverno rappresentano un deflusso. Perciò l’influenza più benefica del sole inizia il 22 marzo. Tutti quegli organismi che sono solidamente strutturati si servono di questa energia, mentre quelli deboli si sciolgono sotto la sua attività e s’indeboliscono ancora di più: dal 22 marzo la Terra lavora in maniera più creativa. Le sue forze creative raggiungono allora il massimo della loro attività. Quando in primavera l’energia solare positiva aumenta sulla Terra, cresce anche l’attività creativa e perciò in questo periodo si verifica una forte crescita. L’attività organica è più intensa proprio in questo periodo.

I mesi più adatti per il rinnovamento e lo sviluppo sono dal 22 marzo, tutto il mese di aprile e di maggio, fino al 22 giugno. A quest’ultima data ogni crescita cessa.

La giornata può essere suddivisa in quattro periodi di 6 ore ciascuno: da mezzanotte alle 6 del mattino è la primavera; dalle 6 del mattino a mezzogiorno è l’estate; da mezzogiorno alle 6 di sera (fino al tramonto del Sole) è l’autunno. Dalle 6 di sera a mezzanotte, invece, è l’inverno. Per effetto della rotazione della Terra, in un certo periodo dell’anno l’estate del giorno è più lunga, mentre l’inverno del giorno è più corto. Durante l’inverno avviene il contrario. Noi, gli abitanti della Terra, dobbiamo seguire nella nostra vita l’esempio delle piante. Esse comprendono meglio di noi la legge della crescita. L’energia solare scende sulla Terra come un ampio flusso, che la cinge dal polo Nord verso il polo Sud e ritorna al Sole. Alcuni scienziati sostengono che sia proprio questa energia che muove la Terra attorno al suo asse. Quando le piante cominciano a sentire che questa energia potenziale comincia a manifestarsi e a venire verso la Terra, mettono le gemme, si preparano e quando si rafforza, sbocciano e alla fine fioriscono e creano i frutti, cercando di raccogliere tutta questa energia per alimentarsi. Questa energia viene trasmessa alle piante tramite il plasma vivifico. Proprio per tale motivo è bene che, quando vediamo le piante mettere le gemme e fiorire, nell’anima umana nasca una gioia intima perché il giorno della sua liberazione si avvicina. L’uomo deve aprire i suoi sentimenti con amore verso questa energia vivificante che lo avvolge per poter percepire la sua influenza benefica, che rinfresca e rinnova i suoi sentimenti, i suoi pensieri e le sue forze.

In primavera e in estate, dal 22 marzo ogni anno, è consigliabile andare a letto e alzarsi presto per accogliere il Sole e ricevere la propria parte di energia, così come le api raccolgono il nettare dai fiori. Ognuno dovrebbe mettere in pratica ciò per anni per convincersi di questa verità. Qui non è necessaria una fede cieca. Ognuno da solo elaborerà concetti ed opinioni proprie sull’azione benefica del Sole. Questa non è un’illusione, ma una comprensione profonda della legge principale della grande natura. Dobbiamo sempre essere d’accordo con le sue leggi e capire che in esse si celano i veri metodi per la nostra vita. E se viviamo in perfetta armonia con esse, possiamo sempre essere intelligenti, sani, forti e felici. Di conseguenza, dobbiamo avere un cuore pieno dei migliori sentimenti quando accogliamo alcuni servitori della natura. Uno di questi servitori è il Sole. Ecco perché il salmista dice: “Ritornavano e cercavano Dio la mattina” (salmo 78) e “ È cosa buona celebrare il Signore e salmeggiare al tuo nome, o Altissimo, annunziare al mattino il tuo amore” (salmo 92) e non dice: “Annunziare di sera il tuo amore, Signore!” Quando la natura comincia il suo lavoro, anche noi dobbiamo cominciare il nostro. E questo è Divino, ciò che è grande nella vita: pensare e sentire come la grande natura vivente e ragionevole e non secondo i sistemi ed il credo ideati dalle persone. Perché il vero “credo” nel mondo è la Verità; l’essenza della vita è l’Amore, mentre il senso di questa vita è la Saggezza.  

Abbiamo detto in precedenza che esiste un’analogia  tra il sistema solare e l’organismo umano. I processi che si verificano nell’organismo umano hanno un’analogia con i processi del sistema solare. Quando l’energia solare giunge al cervello subisce le stesse trasformazioni che subisce l’energia che giunge al Sole dal Sole centrale. È difficile spiegarlo poiché le persone hanno una concezione meccanica delle cose, non psichica basata sulla ragione.

Il polo negativo rappresenta la sensibilità, i sentimenti, mentre quello positivo rappresenta il pensiero. Nell’organismo umano il cervello è positivo, mentre il sistema nervoso simpatico è negativo. Anche nel cosmo è lo stesso. Nella parte sinistra del corpo umano l’energia scende in basso verso la gamba sinistra e poi risale attraverso la gamba destra e la parte destra del corpo. Tale corrente elettromagnetica esiste anche attorno ad ogni organo. Per esempio, sulla sopracciglia destra passa un’energia positiva, che gira e si dirige sotto lo stesso occhio, dove si trasforma in energia negativa. Dall’occhio destro risale sopra l’occhio sinistro e lì diventa di nuovo positiva. Dopo riscende sotto lo stesso occhio come energia negativa. In questo modo il movimento di questa energia forma qualcosa di simile ad un “8” (otto). Nel punto tra le sopracciglie o alla radice del naso vi è un centro ragionevole che regola queste correnti attorno agli occhi. Possiamo chiamare questo centro tra gli occhi “Il Silenzioso”, “Il Ragionevole nella natura” che regola le forze.

La circolazione del sangue è dovuta principalmente alle correnti elettromagnetiche. Se non supportassero il flusso del sangue arterioso, il cuore di per sé non avrebbe questa capacità. Ma il sangue si muove nell’organismo umano grazie al fatto che esiste un impulso cosmico nel mondo che costantemente regola la circolazione del sangue di tutti gli organismi. Alla stessa corrente elettromagnetica sono dovuti i movimenti del protoplasma nella cellula; la circolazione e la rotazione ed anche il moto del Sole, dei pianeti e degli altri corpi celesti. L’energia che la Terra assorbe dal Sole può essere paragonata al sangue arterioso e quella che ritorna al Sole al sangue venoso. Il nostro Sole svolge la funzione di un cuore, ma il Sole centrale svolge questa funzione ancora meglio. Come il sangue impuro nei tessuti deve ritornare verso il cuore e poi nei polmoni per purificarsi, così anche le energie della Terra devono ritornare verso il Sole per riacquistare il ritmo originario*.

     Noi consideriamo il Sole non come un corpo morto, ma come un essere vivente. Ammettiamo che una persona erudita saluti la società contemporanea da lontano con le proprie granate. Quale sarà la nostra opinione di questa persona? Questo sarà uno studio solo della sua parte fisica. Supponiamo che la stessa persona ci mandi tramite qualche riflettore i suoi raggi, dei poemi ben scritti con cui ci saluti oppure che ci mandi i suoi frutti. Nel primo caso l’energia sarà distruttiva, nel secondo sarà stimolante e nel terzo sarà vivificante. Attualmente studiamo solo i due tipi di energie del Sole. Tutte le malattie sulla Terra vengono create dal Sole. Cioè se siamo duri di cuore, indifferenti e ostinati, il Sole ci saluta con le proprie granate. Se siamo intelligenti, ci saluta con i suoi brillanti poemi che portano gioia e allegria. Infine, se siamo elevati spiritualmente e amiamo la natura, ci manda i suoi frutti vivi depositando in noi l’embrione della nuova vita: ciò che nella religione chiamano Resurrezione.

Gli ignoranti capiranno la natura secondo le sue leggi fisiche limitate; gli intelligenti secondo i suoi brillanti poemi, mentre gli spirituali secondo i suoi frutti vivificanti da cui sgorga la vita per l’intera Umanità.

 

 

 

 

* Perché l’uomo sia in armonia con le correnti cosmiche, deve dormire di notte con la testa rivolta a Nord o ad Est.



[1] Per ulterior informazioni: http://it.wikipedia.org/wiki/Ectoderma

[2] Per ulterior informazioni: http://it.wikipedia.org/wiki/Mesoderma

[3] Per ulterior informazioni: http://it.wikipedia.org/wiki/Endoderma